Catechismo

Condividi su:   Facebook Twitter Google

CATECHISMO-672x372

Prima Evangelizzazione

Il gruppo di Prima Evangelizzazione si incontra una volta al giorno presso la parrocchia di Santi Giorgio e Martino dove i genitori dei bambini si fermano anche loro nella catechesi dei figli. Il gruppo è ospitato dalle suore Oblate Salesiane del Sacro Cuore il gruppo segue il cammino proposto dalla Diocesi “Ci sono; Ci siamo per vivere insieme questa nuova esperienza: un viaggio”.

Gruppo Cenacolo

Il Gruppo Cenacolo ha come caratteristica fondamentale quella di camminare insieme per prepararsi a ricevere Gesù per la prima volta con molto entusiasmo dei ragazzi. Il gruppo si incontra in Parrocchia ogni domenica dopo la Messa. Ogni volta scoprono come è importante conoscersi e rispettarsi a vicenda, ma tutto sulla luce di camminare per conoscere Gesù e il suo messaggio di Amore per tutti i ragazzi. Condividono molti momenti particolari insieme, come la visita agli anziani della Parrocchia nel tempo di Avvento, do i ragazzi scoprono la ricchezza dell’incontro con un’altra generazione, collaborano ad alcune iniziative dell’Oratorio. Nei ragazzi c’è sempre voglia di incontrarsi e camminare insieme ogni giorno.

Gruppo Emmaus

Il Gruppo Emmaus si sta preparando a ricevere la pienezza del Dono dello Spirito Santo ne Sacramento della Cresima, che costituirà il loro “bagaglio spirituale” insieme all’Eucaristia e la Riconciliazione per il cammino della vita cristiana, attraverso la conoscenza ed approfondimento dei Suoi Sette Santi Doni e dell’opera ed assistenza dello Spirito nella loro anima e nella loro vita cristiana di ogni giorno. Si stanno rendendo conto con maggior consapevolezza dell’amore vero, reale e personale del Dio vivo e vero per ciascuno di loro, attraverso il dono di esistere, di essere stati salvati e chiamati a seguire Gesù in modo personale, coinvolgente e dinamica.

Cammino di fede dei genitori

Nell’attuale epoca, noi genitori viviamo il grande problema di non partecipare attivamente alla vita dei nostri ragazzi. Questo fenomeno si accentua quando per quanto riguarda la loro vita di fede; infatti di solito, per comodità e pigrizia, preferiamo delegare ad altri lo scomodo compito che chiaramente ci spetta. Ciò accade perché sono i genitori stessi, i quali per primi incontrano difficoltà nel vivere una profonda fede, matura e cosciente.

“Non si può amare ciò che non si conosce” (S. Agostino). Questa frase è il punto di partenza dal quale il Parroco e noi laici siamo partiti insieme ai suggerimenti del vescovo Mauro con la Nota Pastorale “Cristiani non si nasce ma si diventa” (consegnata alla Chiesa diocesana nel mese di giugno 2016), ci ha voluto indicare, in comunione con l’Ufficio Catechistico diocesano, abbiamo dato origine ad un percorso da fare, noi genitori, insieme ai genitori (una volta al mese la domenica al termine della S. Messa delle h. 10.00), per far nascere dall’esperienza comune e dal confronto con la Parola di Dio, delle opportunità per meglio conoscere quel Cristo, che tutto ha dato per noi.

Se il genitore vive una propria autentica dimensione nella fede, più facilmente potrà essere di supporto ai propri figli, in quella che oggi è diventata una vera e propria emergenza educativa, causata anche dai modelli che il mondo ci propone.